accesso riservato

username password
amministratore

Untitled Document
attività

 31/05/2013

Per l'istituzione della citta' metropolitana
Il caso Berlino



Cari amici

Cari amici, 

da anni si parla dell'istituzione della città metropolitana (che dovrebbe incorporare Comune e Provincia di Napoli). Il nuovo ente sembra che vedrà finalmente la luce nel 2014.

In quest'ottica abbiamo organizzato un ciclo di seminari per confrontarci con realtà italiane (Torino e Venezia) ed europee (Berlino e Copenhagen), nella speranza che le istituzioni locali tornino ad avere un ruolo guida nel processo di miglioramento delle realtà che amministrano.

Lunedi' 3 giugno 2013 si affronterà il caso Berlino ed io interverrò come Consigliere Provinciale che sta seguendo l'iter di riforma a nome dell'Upi Campania.
 



Citta Metropolitane - Berlino.pdf

******************************************************************************************

 02/01/2013

Tares, in arrivo la super-tassa
E in mezza Italia emergenza rifiuti



Tares

Tares, in arrivo la super-tassa.

E in mezza Italia è emergenza rifiuti

Da aprile debutta la cosiddetta "Imu sulla spazzatura" che sostituisce le vecchie imposte e si annuncia come un nuovo salasso per i cittadini. Ciò nonostante il Paese è in crisi e in Campania si sfiora il paradosso: l'immondizia potrebbe essere smaltita a costi inferiori, ma gli impianti esistenti non vengono usati

Tares, in arrivo la super-tassa. E in mezza Italia è emergenza rifiuti

L’hanno ribattezzata l’‘Imu sulla spazzatura’. È la nuova tassa sui rifiuti, la Tares che sostituisce la vecchie imposte sul pattume (Tarsu e Tia). Il primo pagamento è slittato ad aprile. Con la tassa si dovranno coprire interamente il costi del servizio di raccolta. La Tares conterrà anche una nuova maggiorazione per finanziare i servizi indivisibili comunali che compensa i tagli ai trasferimenti agli enti locali. Un nuovo salasso per i cittadini. Per i comuni virtuosi è un passo indietro rispetto alla logica meno consumi meno paghi. “È un disastro – spiega Alessio Ciacci, assessore del comune toscano di Capannori, premiato come personaggio ambiente dell’anno – perché saremo costretti, a causa della maggiorazione obbligatoria, ad applicare un corrispettivo di 30 centesimi a metro quadro. Insomma, il cittadino virtuoso che produce meno rifiuti, con il balzello voluto dal governo, pagherà comunque di più”. Una tassa che aumenta mentre i servizi non fanno sempre rima con efficienza. 

QUELLA DEI RIFIUTI è una questione nazionale, dalla Sicilia alla Puglia passando per il caos laziale senza dimenticare Napoli e la crisi infinita. Non sono bastati 13 miliardi di euro spesi nella lunga stagione del commissariamento, la Campania è sempre in crisi. La spazzatura torna a minacciare alcune zone di Napoli e provincia e l’ammanco del grande affare rifiuti è di un miliardo di euro. In questi giorni i rifiuti si sono rivisti in strada, per rallentamenti e guasti negli impianti Stircon il sito di trasferenza del comune pieno. La Regione ha stanziato 3 milioni di euro per portali via ed evitare una befana con i sacchetti in strada. La soluzione tampone adottata è portarli fuori regione e fuori nazione, un salasso economico per le casse pubbliche. Ma oltre al danno c’è la beffa, visto che una parte dei rifiuti che emigrano verso le discariche di mezza Italia potrebbe essere trattata dagli impianti esistenti.

A VALLE della differenziata ci sono gli Stir, gli impianti di tritovagliatura. Sono sette in tutta la regione. Ricevono i sacchetti neri e li separano in due frazioni, una secca finisce negli inceneritori (anche all’estero) e una parte umida tritovagliata viene smaltita nelle discariche fuori regione. E qui inizia l’affare, ma anche il problema. I viaggi dei rifiuti potrebbero essere fermati da una pronuncia del Consiglio di Stato attesa in questo mese. Sarebbe la catastrofe.

A occuparsi della spedizione dei cumuli di spazzatura di Napoli e provincia fuori regione ci pensa la Sapna, società provinciale, voluta dall’ex presidente e deputato uscente del Pdl, Luigi Cesaro. Un pozzo senza fine su cui indaga anche la Corte dei Conti per presunte consulenze d’oro. Per i viaggi della ‘spazzatura’ spende ogni anno 130 milioni di euro, costo medio 150 euro a tonnellata. Tre procure indagano, quella di Napoli procede per il reato di traffico illecito.

“IL PROBLEMA è relativo alla parte umida tritovagliata – conferma l’assessore regionale all’ambiente Giovanni Romano – il nostro progetto è trattarla ulteriormente ed ottenere una materia prima secondaria che può essere utilizzata per la chiusura di cave dismesse”.

Per farlo basterebbe far funzionare gli impianti esistenti. A Giugliano, provincia di Napoli, lo Stir ha due aree per la biostabilizzazione, utili allo scopo. “Teoricamente – spiegano i tecnici della Sapna che lo gestiscono – avremmo potuto diminuire il carico di rifiuti portati fuori regione in questi anni, ma solo teoricamente visto che le linee non sono in funzione, ma stiamo provvedendo”. Inutilizzate perché vi hanno stipato rifiuti, usate come deposito. L’autosufficienza impiantistica menomata da anni di emergenza. Non è finita. I comuni virtuosi, spendono una cifra record, 160 euro a tonnellata, per portare l’umido, in questo caso quello raccolto attraverso la differenziata, in impianti fuori regione. Eppure anche in questo caso c’è un impianto fermo. Si trova a San Tammaro, in provincia di Caserta, capace di trattare 30 mila tonnellate all’anno. Non è mai entrato in funzione. La Campania, piena di impianti, esporta i rifiuti facendo ricchi imprenditori e società di mezza Italia, nord in testa. A tutti conviene l’emergenza infinita.

di Andrea Postiglione e Nello Trocchia

da Il Fatto Quotidiano del 2 gennaio 2013


TARES - In arrivo la super-tassa.pdf

******************************************************************************************

 30/04/2012

RIFIUTI: FALCONE(PD), FARE CHIAREZZA SU SAP.NA



Il consigliere provinciale di Na

Il consigliere provinciale di Napoli, Livio Falcone, chiede che sia fatta chiarezza sulla società Sap.Na -

"la piu' importante società di gestione rifiuti della Campania"- ricordando di "aver denunciato, all'atto della sua nascita, l'illegittimità della costituzione della Sap.Na" con la presentazione di un ricorso al Presidente della Repubblica.

"Da piu' di quattro mesi, inoltre, attendo il bilancio 2011 che ho più volte richiesto e che non mi è stato ancora fornito, nonostante il regolamento preveda che non debbano trascorrere piu' di trenta giorni", aggiunge Falcone.

"E' il momento di fare chiarezza. La situazione sembra oramai fuori controllo, soprattutto alla luce di possibili inchieste sul trasporto fuori regione, su cui da tempo abbiamo dichiarato la nostra contrarietà, sia in termini economici sia in termini gestionali", conclude il consigliere provinciale Pd.

(ANSA) - NAPOLI 30 APR 2012



Nota Stampa - SAPNA.pdf

NOTA STAMPA DEL CONSIGLIERE FALCONE, DEL GRUPPO DEL PARTITO DEMOCRATICO ALLA PROVINCIA DI NAPOLI

 23/04/2012

PD: NAPOLI; 12 MAGGIO CONFERENZA ORGANIZZATIVA



Il consigliere provinciale di Na

"Sabato 12 maggio il Pd di Napoli svolgerà la sua conferenza organizzativa durante la quale sarà discussa l'idea di partito - rinnovato, moderno, partecipato, trasparente ed innovativo - su cui stiamo lavorando già da oltre un anno e sarà presentato il regolamento congressuale che fisserà i termini ed i modi per la presentazione delle candidature alla Segreteria Provinciale del partito".

 

A dichiararlo è Livio Falcone, consigliere provinciale nonché responsabile della conferenza del 12 maggio.

 

"Grazie all'intenso e proficuo lavoro svolto dal Commissario On. Andrea Orlando e dopo la conferenza programmatica, svoltasi a Bagnoli lo scorso 9-10 Marzo, il 12 Maggio inizierà, con la conferenza organizzativa, il percorso congressuale che consentirà al Pd di Napoli di tornare al suo normale e fisiologico funzionamento, ma che gli restituirà, soprattutto, forza e vigore, in modo tale che possa tornare ad essere quella guida riformista e progressista di cui la città e la provincia di Napoli hanno profondamente bisogno".

 

(ANSA) - NAPOLI, 23 APRILE 2012



Nota Stampa - Conferenza Organizzativa.pdf

NOTA STAMPA DEL CONSIGLIERE FALCONE, DEL GRUPPO DEL PARTITO DEMOCRATICO ALLA PROVINCIA DI NAPOLI

 29/11/2011

BILANCIO DI PREVISIONE 2010/2012



Questo è l

Questo è l'emendamento che ho presentato sul tema della riorganizzazione delle partecipate e che il Consiglio Provinciale, durante la seduta di martedì 29/11/2011 sull'assestamento di bilancio, ha approvato all'unanimità.

 

*******************************

 

BILANCIO DI PREVISIONE 2010/2012 - EMENDAMENTO  N°. 1

PROPONENTE: Falcone Livio

 

Descrittivo.

 

Considerato che 36 enti (tra società e fondazioni) su 37 partecipati dalla Provincia di Napoli sono strutturalmente e da anni in perdita e che puntualmente la Provincia interviene con continue ricapitalizzazioni, che sottraggono risorse alle già minime disponibilità di questa amministrazione,

 

visti i continui solleciti e richiami della Corte dei Conti sulle responsabilità degli amministratori pubblici nelle operazioni di ricapitalizzazione delle società pubbliche (vedi la sentenza n. 359 del 16/03/2011),

 

tenuto conto che le perdite delle partecipate incidono in maniera determinante sul trend negativo del bilancio della nostra amministrazione,

 

si ritiene necessario intervenire nel modo seguente :

 

1) Riorganizzare il sistema delle partecipate, prevedendo: dismissioni, mission nuove, identità precise, obbiettivi raggiungibili ed un nuovo schema di piano industriale per ognuna di esse;

 

2) Attivare il metodo del controllo analogo delle società in house come stabilito dalla legge (quasi mai disposto sino ad ora )

 

3) Le perdite strutturali di tutte le partecipate dimostrano l'inadeguatezza dei vertici delle stesse e si ritiene pertanto indispensabile procedere con l'azzeramento di tutte le Governance.

 

4) Lotta agli sprechi, alle clientele e a tutte le forme di depauperamento delle risorse pubbliche.

 

5) Si ritiene indispensabile, in particolar modo in questo periodo di forte crisi economica, che tutti gli  sforzi siano mirati a tutelare i livelli occupazionali dei dipendenti.

 

6) La gestione di tutte le partecipate sia ispirata ai modelli di corretta gestione aziendale in termini di efficacia, efficienza ed economicità.



Bilancio di Previsione 2010-2012.pdf

***************************************************************************

STORICO ATTIVITA' DI CONSIGLIO

<< < > >>
  Record da 11 a 20 su 39
data attività titolo tipo doc  
04/08/2011 RIFIUTI - ACCORDO ZONA NOLANA DESTA PREOCCUPAZIONE nota stampa
25/07/2011 Accordo comuni zona rossa nota stampa
27/06/2011 Alla REGIONE - Pensano alle nomine nota stampa
19/06/2011 FORUM CULTURE: NO A CORSIE PREFERENZIALI nota stampa
02/04/2011 TURISMO - Da regione sperpero denaro pubblico nota stampa
01/04/2011 RIFIUTI: FALCONE, BENE FONDI PER PIANURA nota stampa
11/01/2011 COMMISSIONE INCHIESTA - FALCONE PRESIDENTE nota stampa
21/12/2010 PROVINCIA - ISTITUZIONI CON CITTADINI ONESTI nota stampa
29/11/2010 Istituzione di una Commissione d'indagine verbale
08/11/2010 POMPEI: FALCONE (PD), BASTA CON GLI ALIBI nota stampa
 
<< < > >>

frames base

 

CHE COSA PUOI FARE


  Invia un messaggio
Scrivi a Livio la tua idea, le tue
proposte o perplessità. La tua
opinione è importante.


  Invita un amico
Presenta liviofalcone.it ad amici e
colleghi, aiutaci a far crescere il
network.

  Resta in contatto
* email :

provincia :

Cliccando su 'invia' accetti le
condizioni sulla privacy.



LA FORZA
DELLA SQUADRA

logoadacs

Associazione di promozione sociale nata nel 2003, dal 2006 è Ente di seconda classe accreditato presso la Regione Campania per la presentazione di progetti e per la gestione del servizio civile su base regionale.
Nel corso della sua vita l'Associazione ha sviluppa­to la sua azione in diversi ambiti di attività: nel settore della cultura, dello sport, del tempo libero, delle politiche socio-assistenziali, della formazione e dell'occupazione, con l'intento finale di diffondere i valori fondanti del volontariato, quali la partecipazione attiva alla vita delle Istituzioni, la solidarietà ed il pluralismo, per essere al servizio della collettività.


LIVIO NELLA RETE

  


divisione imaging / PICTURA comunicazione visiva
tutti i diritti sono riservati